Torna alla HOME PAGE
Scrivici
[ Telegrammi ]

"Preambolo" di "Democratici Solidali Liberali" in italiano 
"Preface" of "Democratici Solidali Liberali" in english

 
Menu
Home
Cerca
Tutte le News
Leggi anche...
Articolo 21 intervista
Francesco Paola
Accessi al sito da dicembre 04

 
 
 
Il digitale terrestre e la politica della "carta Premium" PDF Stampa E-mail
venerdì 28 gennaio 2005


di Gianni Zamperini *

*imprenditore, componente del Consiglio direttivo di "Democratici Solidali Liberali"

Mi chiamo Gianni Zamperini, sono un imprenditore, la industria di cui sono socio costruisce ponti radio e apparecchiature per le trasmissioni TV. Mi rivolgo agli imprenditori, agli operatori, agli utenti della televisione. Non è solo una "lettera aperta"; ma, di più, un invito ad unirsi per la redistribuzione degli spazi e delle risorse del mercato e dunque per la difesa (per la attuazione, per meglio dire) dei principi di pluralismo.

Il primo interrogativo che mi pongo è se la situazione del tutto anomala che vive l'Italia, con una concentrazione televisiva in capo ad un quasi-monopolista privato che non ha pari nel resto d'Europa possa essere addirittura aggravata con il passaggio dall'analogico al digitale.

Specie se questo quasi monopolista fa e disfa le leggi a suo piacimento per favorire se stesso. Mi pare che in sintesi estrema il "conflitto di interessi" sia questo.

Lo stato delle cose: 1) una occupazione delle frequenze non pianificata, senza alcuna assegnazione, quindi abusi e non governo; la legge "salva Rete 4" si inquadra perfettamente in questo stato di cose, ne è quasi una conseguenza; 2) la concentrazione delle frequenze su due soli soggetti: tre reti nazionali (ovviamente, in nessun altro Paese di Europa è possibile) e gli unici ad avere la possibilità di coprire il 90% del territorio con il segnale analogico.

Il passaggio al digitale può essere una occasione per liberalizzare il mercato, aprirlo a nuovi soggetti: operatori di rete, fornitori di contenuti o fornitori di servizi; una occasione storica per favorire la crescita della industria in Italia.

Cosa si dovrebbe fare con una norma urgente, con un decreto legge?

Dare ai nuovi soggetti la possibilità di entrare sul mercato, di competere rispetto ai soggetti che già vivono di rendite da posizione dominante, agli incumbent.

Regole urgenti che favoriscano le new entry rispetto ai quasi monopolisti - duopolisti.

Impedire ulteriore concentrazione con l'acquisto di ulteriori frequenze-impianti da parte dei maggiori operatori.

Principi letti nella conclusione della indagine conoscitiva della autorità garante Antitrust, li condividiamo tutti. Sono cose che noi, operatori del settore, sapevamo già da tempo.

Invece, assistiamo a finanziamenti pubblici al digitale terrestre, che sono in larga parte utilizzati da un soggetto che detiene già posizioni di quasi monopolio nell'analogico, cioè da Mediaset?

L'operazione "carta Premium" per le partite di serie A nasce anche grazie a queste norme.

Un sistema di aiuti di Stato, a vantaggio del monopolio? E' un deja-vu, la storia si ripete.

Il paradosso è che si pretenda l'esibizione del canone RAI per avere quasi regalato un decoder digitale terrestre per pagare le trasmissioni calcistiche messe in onda da Mediaset.

Finanziamenti pubblici a soggetti che già detengono una posizione dominante o di quasi monopolio. Rafforzamento ulteriore di tali posizioni, ulteriori concentrazioni. Invece, ripeto, di interventi urgenti per favorire le piccole e medie imprese, e il pluralismo costituzionale, insieme.

Chiameremo queste forme di intervento, d'ora innanzi, la politica della "carta premium".

Ci domandiamo: come mai principi di corretta concorrenza non si sono ancora tradotti in norme urgenti, o in un progetto di governo?

Riprodurre nel digitale lo stesso assetto dell'analogico, è questo che si vuole?

Accentuare le integrazioni "verticali", le concentrazioni, la debolezza storica della produzione audiovisiva indipendente?

Non saremmo qui oggi a parlare, sia chiaro, se le politiche di centro sinistra fossero state coerenti ed efficaci, rispettose delle regole di concorrenza, se non avessero cristallizzato gli assetti di mercato (leggi: il quasi monopolio di Mediaset).

E insieme ai mercati la politica e la democrazia, a questo punto lo possiamo dire.

Insomma, svegliamoci! Pochi pensano e molti, supini, soggiacciono.


 
< Prec.   Pros. >

Democratici Solidali Liberali
Via del Babuino 48, 00187 ROMA
Segr. Tel e Fax 178 226 8571
spacer
(C) 2019 Democratici Solidali e Liberali
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL.

Torna alla Home Page Chi Siamo Torna alla Home Page Statuto Preambolo allo Statuto Aderisci ai Democratici Solidali Liberali Aree di Progetto Forum di discussione Aree Territoriali