Torna alla HOME PAGE
Scrivici
[ Telegrammi ]

"Preambolo" di "Democratici Solidali Liberali" in italiano 
"Preface" of "Democratici Solidali Liberali" in english

 
Menu
Home
Cerca
Tutte le News
FORUM
DSL nel tuo Comune
Sedi territoriali
Dichiarazioni del Presidente
Sostieni i DSL
Contattaci
Articolo 21 - Notizie
Articolo 21 intervista
Francesco Paola
Accessi al sito da dicembre 04

 
 
 
Fondamentalismo religioso e risposte costituzionali PDF Stampa E-mail
martedì 08 marzo 2005

Il Comunicato stampa: Un invito rispettoso e fermo al cardinale Ruini e a quella parte della gerarchia cattolica che si identifichi con le posizioni assunte sulla fecondazione assistita a considerare i diritti e la salute delle donne e dei nascituri arriva dai Democratici Solidali Liberali, per voce del presidente Francesco Paola e del prof. Claudio Zanardi, componente del consiglio direttivo dei DSL e segretario nazionale di una importante associazione di medici ginecologi. "Le posizioni della gerarchia cattolica sulla fecondazione assistita risentono di un antico ed evidentemente non sopito pregiudizio contro la scienza e la autodeterminazione"  spiegano i Dsl.  "E' un errore considerarle semplicemente afferenti alla sfera dell'etica e della morale, perchè idonee a causare danni gravi ai diritti e alla salute delle donne e del nascituro. Questo - concludono i Dsl - rende doveroso che vengano assunte posizioni, in merito,  chiare e senza distinzioni da parte di ogni forza politica che si riconosca nei valori costituzionali".  (continua)

L'analisi.

Le prese di posizione ufficiali della gerarchia cattolica sulla fecondazione assistita -non condivise, crediamo, dalla maggioranza dei cattolici- sfociate nell'invito formale, da ultimo alla atensione al prossimo referendum, risentono di un antico, ed evidentemente non sopito, pregiudizio nei riguardi della scienza e dell'autodeterminazione dell'individuo.

Rispetto ad esse occorre dare, al tempo stesso, risposte chiare, fuori dal linguaggio spesso ambivalente della politica tradizionale.

Prese di posizione del tutto idonee a determinare gravi pregiudizi alla salute della donna, del nascituro, degli equilibri di coppia, non possono, difatti, essere considerate puramente e seplicemente attinenti alla sfera della morale, ed in quanto tali considerate sostanzialmente non sindacabili.

Sotto tali profili, dichiarazioni idonee ad incidere non solo su modelli dell'etica, o della costruzione dello Stato (cosa già di per sè assai deprecabile, perchè in violazione del principio costituzionale fondamentale che si concreta nella locuzione "laicità dello stato"), ma, in modo immediato e diretto, sulla salute e sulla vita delle persone, e che contrastano con la comune e concorde opinione scientifica, è necessario comincino ad avere doverose risposte, da parte di ogni forza politica.

Il contrasto alle forme di fondamentalismo religioso, e, parimenti, il sostegno alle forze cattoliche democratiche, sono elemento essenziale per la costruzione di una democrazia e di una società libera e aperte, da porre da porre all'ordine del giorno del dibattito nei prossimi tempi, senza sottovalutazioni, o timori, o rimozioni.

L'approfondimento

Riportiamo l'intervista rilasciata a "Il Corriere della sera" dal prof. Umberto Veronesi

La legge sulla fecondazione è anti scientifica e illiberale "
Il professor Umberto Veronesi: ecco perchè va cambiata
 
 
MILANO " E' grave quando uno Stato arriva a porre delle barriere alla ricerca con ricadute cliniche concrete e con limitazioni alle libertà individuali dei cittadini, malati o sani che siano " .
La legge sotto accusa è la numero 40, quella che regolamenta in Italia la procreazione medicalmente assistita, anche nota come fecondazione artificiale. La voce di dissenso è quella del professor Umberto Veronesi, oncologo di fama internazionale, ex ministro della Sanità e promotore, tramite la fondazione che porta il suo nome, di una pubblicazione nella quale otto giuristi spiegano che cosa non va nella legge 40. Pubblicazione in edicola con il Corriere della Sera , prefazione firmata dallo stesso Veronesi.

Professore, che cosa intende con ricadute cliniche negative?
" Un esempio pratico riguarda proprio l'oncologia. Finora noi potevamo congelare gli ovociti fecondati di una paziente che doveva essere sottoposta a chemioterapia, con possibili conseguenze proprio su una successiva vita procreativa, per poi reimpiantarli a cura completata. La legge attuale, la 40, appunto, lo impedisce. E quindi alle donne malate, oltre al peso fisico e psicologico di una malattia come il cancro, viene impedita per legge una progettualità di vita possibile. Questo non mi sembra un fiore all'occhiello per una società moderna " . " In questo caso la legge 40 nega uno dei maggiori progressi della medicina. Pare che il legislatore ignori il vero obiettivo delle analisi preimpianto: quello di dare la possibilità a chi è portatore di una malattia genetica di non trasmetterla ai propri figli. E' stata vanificata la grande speranza di ridurre in modo consistente il tragico peso umano e sociale di 30 mila bambini che ogni anno nascono in Italia con gravi malformazioni " .

Ma prima delle legge la fecondazione artificiale era una sorta di Far West. E in un campo così delicato occorrono regole rigide a tutela della coppia con problemi di fertilità, a tutela della donna aspirante mamma, a tutela del nascituro. O no? 
" Una cosa è controllare i centri autorizzati, stabilendo le caratteristiche di efficienza e sicurezza, fissare una legge quadro a cui fare riferimento... Altra cosa è limitare le libertà individuali e porre barriere alla ricerca. La legge 40 è un passo indietro, non da Stato laico, moderno, che crede nelle scoperte scientifiche da mettere a disposizione di tutti " .

Prima di arrivare a varare la legge c'è stato un dibattito etico politico decennale, che appare assolutamente non risolto visto il prossimo appuntamento con i referendum. Nella prefazione al libro con i pareri degli otto giuristi, lei parla di spirito anti scientifico e di rivincita dell'irrazionale, ricordando il Seicento, quando contemporaneamente migliaia di donne venivano bruciate sul rogo come streghe e Newton, Cartesio e Galileo davano un nuovo assetto alla concezione del mondo. E' così anche la società attuale, quella che ha portato alla legge 40? 
" Non proprio come in quell'epoca, ma " schizofrenica" sì: siamo travolti da un'ondata di nuove scoperte e nuove tecnologie con le quali il nostro sistema etico culturale fa fatica a rapportarsi, a volte arrivando addirittura a negarle. E al tempo stesso dilaga il fenomeno dei maghi o dei cartomanti che promettono di raccontarci come sarà il futuro " .

Anche la legge 40 sarebbe espressione di questa schizofrenia? 
" E' un esempio di come si vogliano allontanare le scoperte scientifiche che il nostro sistema etico culturale non è pronto a elaborare. Per esempio, a dispetto o forse a causa dei progressi della genetica, questa legge rappresenta dal punto di vista scientifico e civile un passo indietro rispetto alla 194, che stabiliva che la libertà riproduttiva è parte inalienabile dei diritti della persona e fa capo a quel principio di responsabilità individuale che è caratteristica fondamentale di tutte le civiltà democratiche. La nuova legge, invece, fissa precisi limiti alla procreazione assistita proprio ora che la genomica e le biotecnologie hanno ampliato di fatto le possibilità tecniche della procreazione assistita. Addirittura vieta la fecondazione eterologa, la tecnica più semplice e antica ( risale al ' 700) per risolvere la sterilità di un maschio. E' come se la libertà di autodeterminazione di un individuo fosse inversamente proporzionale alla sua effettiva possibilità di esercitarla " .

 
< Prec.   Pros. >

Democratici Solidali Liberali
Via del Babuino 48, 00187 ROMA
Segr. Tel e Fax 178 226 8571
spacer
(C) 2019 Democratici Solidali e Liberali
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL.

Torna alla Home Page Chi Siamo Torna alla Home Page Statuto Preambolo allo Statuto Aderisci ai Democratici Solidali Liberali Aree di Progetto Forum di discussione Aree Territoriali